Pro Lauro

Sunday
Aug 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
HOME MONUMENTI Monumento ai Caduti Monumento ai Caduti

Monumento ai Caduti

E-mail Stampa PDF
Sulla nuova piazzetta di Fellino, veniva eretto nel 1996 il monumento ai Caduti di tutte le guerre. Il pensiero di un Monumento nuovo ai Caduti non era recente; già nel 1994 la locale sezione “Combattenti e Reduci” costituiva un Comitato “Pro Monumento Caduti”, presieduto e caldeggiato dal Maresciallo dei Carabinieri a riposo Giovanni Perna. Il progetto si interruppe bruscamente con l’intervento dell’allora Amministrazione Comunale guidata dal dott. Antonio Bossone, che avocava a sé l’idea di realizzare il monumento e che così realizzò.
Ma a prova della serietà dell’impegno profuso dalla sezione Combattenti e Reduci, è opportuno rammentare che prima del mutamento della vicenda, pervennero a quella segreteria almeno due progetti. Uno era redatto dal Geometra Antonio Daniele e l’altro dall’Architetto Antonio De Pascale, quest’ultimo era poi lo stesso richiesto e approvato dall’Amministrazione 1980-85  di Ottavio Colucci e non realizzato per il sopraggiunto sisma, che bloccò anche altre attività già programmate.
Il monumento è opera dello scultore Gabriele Renzullo di Beato di Quindici che ha studiato e lavorato in Germania. Stimato, non soltanto come artista originale, ma anche come intellettuale di raffinata e versatile cultura. La sua estetica è connessa ad un recente fenomeno artistico che vede la scultura interessata ad aspetti contenutistici e formali radicalmente nuovi, ove in essi il reale e il figurativo scompaiono, dando luogo a semplificazioni informali. Un surrealismo, si direbbe, dalle immaginose interpretazioni fondate su un intimo dialogo tra il monumento e l’osservatore, il quale alieno da vincoli accademici lo scruta, lo esamina, vedendovi ciò che è apparentemente invisibile. Tutto ciò lo differenzia dalla iconologia e scultura tradizionale che si presentano con determinati ed evidenti caratteri.
Il primo incontro tra la popolazione del Vallo e il monumento non fu certo di facile effetto, vista la novità dello stile di cui generalmente non si aveva grande competenza.
Penso però che discussioni e controversie indurranno col tempo a familiarizzare con questo tipo di arte contemporanea e ad apprezzare i motivi estetici dell’artista Gabriele Renzullo.

 

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Aprile 2009 13:28 )  

Riconoscimenti

Certificazione ClassVenues

Segnala il tuo sito su ITALIANODOC

Donazione

Chi è online

 147 visitatori online